torna al programma
evento precedente
prossimo evento

ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA

Domenica 26 Gennaio 2014 ore 17.30
GREGORY SINGER direttore
PIERRE REACH pianoforte
UWE BRANDT pianoforte
SILVIA CHIESA violoncello

G. Rossini (1792-1868)
Il Signor Bruschino
Ouverture

W. A. Mozart (1756-1791)
Concerto n. 10 per due pianoforti
e orchestra in mi bemolle magg. K. 365 I. Allegro
II. Andante
III. Rondò: Allegro

INTERVALLO

G. Fauré (1845-1924)
Pavane, op. 50

P. I. Cˇajkovskij (1840-1893)
Variazioni su un tema rococò
per violoncello e orchestra, op. 33

singerGREGORY SINGER
Gregory Singer ha il dono di essere un direttore che coniuga un grande estro con il piacere di drammatiche interpretazioni dei grandi classici. Figlio di un rinomato direttore, Jacques Singer, e della pianista Leslie Singer, Gregory ha avuto la fortuna di crescere circondato da meravigliosa musica e da leggendari artisti che gli hanno ispirato la passione a continuare la ricca tradizione nella quale è cresciuto. Dopo i suoi studi come violinista presso la Juilliard School, ha iniziato a ricevere numerosi ingaggi in qualità di direttore e nel 2005 ha fondato la Manhattan Symphonie. Come direttore artistico di quest’orchestra ha tenuto numerosi concerti e organizzato prestigiosi eventi americani tra cui diverse esibizioni “tutto esaurito” al Lincoln Cen- ter e alla Carnegie Hall. Sotto la sua direzione la Manhattan Symphonie si è esibita con regolarità presso la Barge Music Series. Nel 2009 la compagine newyorkese e il maestro Singer sono stati scelti come ambasciatori della cultura in occasione del trentesimo anniversario delle relazioni Sino-Americane. Fin dal loro primo tour in Cina hanno ricevuto altri numerosi inviti che li hanno portati a ritornare nelle più significative e importanti sale da concerto di Beijing e Shanghai. Il maestro Singer, inoltre, è considerato un affermato ed eclettico compositore di generi musicali che vanno dalla musica Classica, al Jazz, al Bluegrass. Il concerto che terrà al Civitanova Classica Piano Festival segnerà il suo debutto italiano.

 

brandtUWE BRANDT
Uwe Brandt, nato a Saarbrücken nel 1957, già in tenera età aveva l’ambizione di diventare un musicista di professione. Il suo interesse fu dapprima per il vio- lino, che è rimasto fino a quando non ha scoperto la passione per il pianoforte. Ha iniziato gli studi sotto la guida di Alessandro Sellier presso la Musikho- chschule di Saarbrücken per poi passare nella classe di Hans Clasen, un allievo di Walter Gieseking. Dopo i primi successi ( nel 1980 vince una borsa di studio del Volkes Deutschen Studienstiftung) è diventato, prima, allievo di Monique Haas a Parigi, e poi di Jean-Claude van den Eynden a Bruxelles dal 1982 al 1986.
Dal 1984 è stato docente presso la Hochschule für Musik Saar. Ha tenuto concerti in patria e all’estero, come solista e in formazioni da camera, e ha collaborato con numerosi artisti come Joshua e Moshe Epstein, Peter Hörr, David Todd, Klaus Trumpf, Jone Kaliunaite, Tuncay Yilmaz, Hande Öszyrek, Michel Flaksman e Sebastian Voltz. Dal 2003 è direttore del Musikschule Sulzbach-Fischbachtal con circa 600 studenti e 30 insegnanti. Inoltre è il promotore e direttore artistico del Meisterkonzerte und Internationalen Meisterkurse Sulzbach-Saar.

 

 

 

 

 

 

reachPIERRE REACH
Tre aspetti della carriera di Pierre Réach segnano la sua originalità: i concerti e recital tenuti in tutto il mondo, il suo impegno nell’attività di insegnamento e nello svolgimento di corsi di perfezionamento, e l’organizzazione di vari eventi artistici. Si è classificato al primo posto in concorsi internazionali come l’Olivier Messiaen, il Pozzoli e l’Arthur Rubinstein. È stato allievo di Yvonne Lefébure e Yvonne Loriod a Parigi e di Maria Curcio a Londra ed ha lavorato con Arthur Rubinstein e Alexis Weissenberg. Ha eseguito recitals e concerti con orchestre in tutto il mondo, la KBS di Seoul, la NHK di Tokyo, la Orquestre Radio France di Parigi. Ha tenuto concerti di musica da camera con artisti come Gary Hoffman, Joan Martin Royo, Christoph Henkel e Gerard Poulet. Si è esibito negli Stati Uniti con le “Goldberg Va- riations” di J. S. Bach riscuotendo un ampio successo di critica sulla stampa americana. Vasta è anche la sua produzione discografica. Attualmente tiene corsi di perfeziona- mento in tutto il mondo ed è membro di giuria di concorsi come il Messianen Olivier, il Masters di Monte Carlo, il Maria Canals di Barcellona, a Rio de Janeiro e Shanghai. Ha istituito il concorso “Frederic Chopin International Piano Competition” a Bagnères de Bigorre e l’ International Piano Competition “Paul Badura – Skoda” a Vila-Seca. È docente al Conservatorio di Parigi e presso la Escola Superior de Música de Catalunya (ESMUC) ed è Professore Honoris Causa al Conservatorio Superiore di Shanghai. È anche direttore artistico del Festival di Piano-Pic in Francia e del MusicFestival di Vila-Seca in Spagna.

 

chiesaSILVIA CHIESA
Nata a Milano, Silvia Chiesa dopo gli studi con Rocco Filippini, Mario Brunello e Antonio Janigro intraprende una brillante carriera solistica internazionale che la vede protagonista, fra l’altro, in Francia con l’orchestra del Teatro di Rouen, in Inghilterra alla Barbican Hall e Cadogan Hall con la Royal Philarmonic Orchestra, in Russia con i Solisti di San Pietroburgo, in Polonia con la Filarmonica di Cracovia, in Italia con l’Orchestra della Rai, I Pomeriggi Musicali, l’Orchestra Verdi e l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. In veste di solista ha collaborato con i direttori d’orchestra Luciano Acocella, Paolo Arrivabeni, Gürer Aykal, Giampaolo Bisanti, Tito Ceccherini, Daniele Gatti, Cristian Orosanu, Corrado Rovaris, Howard Shelley e Brian Wright. Nel 2004, in occasione di un prestigioso tour in America del Nord con la Royal Philarmonic, la critica ne ha esaltato le qualità musicali ed espressive.
Particolarmente sensibile alla musica contemporanea, ha interpretato in prima assoluta alcune composizioni di Nicola Campogrande, Aldo Clementi, Michele Dall’Ongaro, Sir Peter Maxwell Davies e Giovanni Sollima, ed è stata dedicataria del concerto per violoncello e orchestra di Matteo D’Amico Il filo di Teseo, nonché, insieme a Maurizio Baglini, della suite per violoncello e pianoforte D’après…cinq chansons d’elite di Azio Corghi.
Nel 2005 ha costituito con Baglini un duo stabile, applaudito su prestigiosi palcoscenici internazionali, tra cui la Salle Gaveau di Parigi, l’Oriental Art Center di Shangai, la Sala Cecília Meireles di Rio de Janeiro nonché in Libano, Russia, Brasile, Belgio, Islanda, Israele e Australia. Il duo Chiesa-Baglini ha registrato un cd con musiche di Chopin, Debussy e Corghi per l’etichetta Concerto, l’integrale di Saint Saëns per un cd allegato alla rivista “Amadeus”, e recentemente il cd “Cello Sonatas” per Decca, contenente le Sonate per violoncello e pianoforte di Brahms e l’“Arpeggione” di Schubert.
Silvia Chiesa ha inciso inoltre vari concerti live per Rai Radiotre e France Musique, nonchè per i canali televisivi Rai Sat (insieme al Trio Italiano di cui ha fatto parte dal 1997 al 2002) e France 3, dove nel 2008 è stata ospite della trasmissione televisiva Toute la musique qu’ ils aiment condotta dal musicologo francese Alain Duault.
Nel 2011, in occasione del centenario della nascita del compositore, insieme all’Orchestra Rai di Torino diretta da Corrado Rovaris ha pubblicato per Sony un cd con i Concerti per violoncello di Nino Rota.
Il cd è stato salutato con entusiasmo dalla critica che ha evidenziato nell’esecutrice “la padronanza ferrea dello strumento” (Fabrizio Carpine), “la gestualità morbida e tecnicamente ineccepibile” (Massimo Viazzo), “la sicurezza e la fantasia musicale” (Angelo Foletto), “la totale adesione […] e la superba lezione di strumentalità ” (Elide Bergamaschi), “il suono seducente, le qualità tecniche e le capacità musicali” (klassik.com), “lo stile affermativo e denso di carattere, la cavata sempre piena e presente” (Diapason), e più in generale nell’intera esecuzione l’alto “livello espressivo” (Giancarlo Cerisola).
Nel 2012 ha eseguito a Milano, con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali diretta da Giampaolo Bisanti, la prima italiana del Concerto per violoncello di Gil Shohat. Nel 2013 ha avuto importanti debutti in Australia e in Polonia. Nel 2014 è in programma un nuovo cd per Sony.
E’ artista residente della rassegna cameristica toscana “Amiata Piano Festival” e docente all’Istituto Superiore di Studi Musicali “Claudio Monteverdi” di Cremona.
Silvia Chiesa suona un violoncello Giovanni Grancino del 1697.
www.silviachiesa.com

 
 

La FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana, fondazione istituita con Legge Regionale 2/99, è una delle tredici Istituzioni Concertistiche Orchestrali Italiane riconosciute dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Attualmente il M° Donato Renzetti ne è il Direttore Principale ed Artistico.Formata per la maggior parte da valenti musicisti marchigiani, fra cui molti giovani, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana affronta con notevole flessibilità il repertorio sia lirico, sia sinfonico, distinguendosi di conseguenza per una particolare duttilità sul piano artistico-interpretativo, come rilevato da tutti gli interpreti e i direttori d’orchestra che con essa hanno collaborato.
Nel corso della sua attività, consistente principalmente nella realizzazione della Stagione Sinfonica in ambito regionale e nella partecipazione alle più importanti manifestazioni a carattere lirico delle Marche, si è esibita con grandi interpreti come Gidon Kremer, Natalia Gutman, Vladimir Ashkenazy, Ivo Pogorelich, avvalendosi della guida di direttori di prestigio internazionale, quali Gustav Kuhn, Woldemar Nelsson, Daniel Oren, Donato Renzetti, Bruno Campanella, Hubert Soudant.
Collabora con gli Enti e le Associazioni concertistiche più prestigiose del territorio marchigiano, realizzando anche circuiti di concerti destinati al pubblico scolastico. L’Orchestra ha partecipato anche ad una serie di importanti eventi a carattere nazionale e internazionale, fra i quali: Concerto di Fine Anno al Quirinale (2005); Concerto per la Vita e per la Pace – Roma, Betlemme, Gerusalemme (2006); veglia e concerto serale per l’incontro di Papa Benedetto XVI con i giovani di tutto il mondo a Loreto (1 settembre 2007); partecipazione con il chitarrista Giovanni Seneca al Festival Internazionale di Izmir (Turchia) con il concerto “Serenata mediterranea” (luglio 2009), successivamente riproposto, nel 2010, al Festival Internazionale di Hammamet; Concerto in onore di Benedetto XVI a Castel Gandolfo (31 agosto 2011); Concerto “De-Sidera” con Giovanni Allevi e Diretta TV “Al centro della Vita” in occasione del Congresso Eucaristico Nazionale di Ancona (4 e 10 settembre 2011).
L’Orchestra Filarmonica Marchigiana è presente sul mercato discografico con numerose incisioni, tra cui si segnalano: La Serva Padrona e Stabat Mater di G.B. Pergolesi, Guntram di R. Strauss, Rossini Ouvertures, Le nozze di Figaro di W.A. Mozart, Oberto Conte di San Bonifacio e Preludi e Ouverture di G. Verdi, Sinfonia n. 9 di G. Mahler; inoltre diverse opere liriche in DVD: L’elisir d’amore di Donizetti realizzato dalla Rai, I racconti di Hoffmann di Offenbach, Macbeth di Verdi, Norma di Bellini, Maria Stuarda di Donizetti.

 

 
Si ringrazia

formentinitecno

Civitanova Classica Newsletter

Se vuoi essere informato su tutti gli eventi e i concerti di Civitanova Classica, iscriviti alla nostra newsletter. L'utente dichiara l'espressa autorizzazione al trattamento dei dati personali conferiti ai sensi del DLgs 196/2003.