torna al programma
evento precedente
prossimo evento

CONCERTO INAUGURALE

Acquista biglietti online
vivaticket

 

Venerdì 14 Dicembre 2018 ore 21.15
Civitanova Alta, Teatro Annibal Caro

CONCERTO INAUGURALE

Mozart e Gershwin, Licini e Ciarrocchi

ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA
LUIGI PIOVANO
 direttore
LORENZO DI BELLA
 pianoforte


Interverrà STEFANO BRACALENTE centro studi “Osvaldo Licini”

in occasione della mostra “Licini e Ciarrocchi”, per i 40 anni della Galleria Centofiorini.

 

Programma

Wolfgang A. MOZART (1756-1791)
Sinfonia n.39, K 543:

I. Adagio Allegro
II. Andande

III. Minuetto – allegretto

IV. Finale – allegro

INTERVALLO

Fryderyk F. CHOPIN (1810 — 1849)

3 studi dell’op. 10:

n. 3  Lento ma non troppo
n. 4  Presto

n. 12 Allegro con fuoco

3 studi dell’op. 25:

n. 1  Allegro sostenuto
n. 2  Presto

n. 12 Allegro molto e con fuoco

George GERSHWIN (1898 – 1937)

Rapsodia in blu (per pianoforte e orchestra)

In collaborazione con


logo_web


Si ringrazia



Foto FORM 1Orchestra Filarmonica Marchigiana

La FORM – Orchestra Filarmonica Marchigiana è un’Istituzione Concertistica Orchestrale Italiana, fra le tredici riconosciute dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Affronta il repertorio sia lirico, sia sinfonico con notevole flessibilità e duttilità sul piano artistico-interpretativo, come rilevato da tutti gli interpreti e i direttori d’orchestra che con essa hanno collaborato.

Nel corso della sua attività, in primo luogo nella realizzazione della Stagione Sinfonica in ambito regionale e nella partecipazione alle più importanti manifestazioni a carattere lirico delle Marche, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana si è esibita con grandi interpreti come G. Kremer, N. Gutman, V. Ashkenazy, I. Pogorelich, U. Ughi, S. Accardo, A. Lonquich, M. Brunello, avvalendosi della guida di direttori di prestigio internazionale, quali G. Kuhn, W. Nelsson, D. Renzetti, A. Battistoni, H. Soudant. Collabora con gli Enti e le Associazioni concertistiche più prestigiose del territorio marchigiano, realizzando anche circuiti di concerti destinati al pubblico scolastico.

L’Orchestra ha partecipato a importanti eventi di carattere nazionale e internazionale, fra i quali: Concerto di Fine Anno al Quirinale (2005); Concerto per la Vita e per la Pace in Roma, Betlemme e Gerusalemme (2006); veglia e concerto serale per l’incontro di Papa Benedetto xvi con i giovani di tutto il mondo a Loreto (1 settembre 2007); partecipazione con il chitarrista G. Seneca al Festival Internazionale di Izmir (Turchia) con il concerto “Serenata mediterranea” (2009), successivamente riproposto anche al Festival Internazionale di Hammamet (2010); “Concerto in onore di Benedetto xvi”, offerto al Pontefice dal Cardinale Domenico Bartolucci (2011); Concerto “De-Sidera” con G. Allevi e diretta tv “Al centro della Vita”, in occasione del Congresso Eucaristico Nazionale di Ancona (2011).
Attualmente la FORM – Orchestra Filarmonica Marchigiana si avvale della direzione artistica del M° F. Tiberi e dal 2015 della direzione principale del M° H. Soudant.


 

LUIGI PIOVANO

Primo violoncello solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, si è diplomato in violoncello a 17 anni col massimo dei voti e la lode, sotto la guida di R. Aldulescu, con cui in seguito si è diplomato in violoncello e musica da camera anche al Conservatorio Europeo di Parigi. Nel 1999 è stato scelto da M. Pollini per partecipare al “Progetto Pollini” al Festival di Salisburgo, poi ripreso alla Carnegie Hall, a Tokyo e a Roma. Ha tenuto concerti di musica da camera con artisti del ca- libro di W. Sawallisch, M-Y. Chung, A. Lonquich, D. Sitkovetsky, L. Kavakos, V. Eberle, le sorelle Labeque e N. Lugansky. Dal 2007 suona regolarmente in duo con Antonio Pappano e dal 2009 fa parte del trio “Latitude 41”. Ha suonato come solista con prestigiose orchestre (Tokyo Philharmonic, New Japan Philharmonic, Accademia di Santa Cecilia, Seoul Philharmonic, Orchestre Symphonique de Montréal) e sotto la direzione di direttori come Chung, Nagano, Pletnev, Boreyko, Menuhin o Bellugi. Dal 2002 si dedica sempre più alla direzione, collaborando con solisti come L. Bacalov, S. Bollani, P. De Maria, B. Lupo, S. Mingardo, D. Sitkovetsky, V. Sokolov, F-J. Thiollier e ha registrato per Naxos oltreché numerosi CD per Eloquentia, fra i quali uno con S. Mingardo in cui dirige i Kindertotenlieder ed i Lieder eines fahrenden Gesellen di Mahler (premiato in Francia nel 2012 come miglior CD di Lieder dell’anno). Dal 2008 al 2016 è stato direttore artistico dell’Estate Musicale Frentana di Lanciano. Dal 2013 al 2017 è stato direttore musicale di Roma Tre Orchestra. Dal 2012 è direttore musicale dell’Orchestra ICO della Magna Grecia, con cui ha diretto importanti pagine del grande repertorio sin- fonico fra le quali l’integrale delle Sinfonie e dei Concerti di Brahms, la Quarta, Quinta e Sesta Sinfonia e i Concerti di Čajkovskij, la Sinfonia in Re min. di Franck e i due Concerti di Ravel. Dopo il grande successo ottenuto in Roma nel 2013 dirigendo gli Archi dell’Orchestra di Santa Cecilia in un concerto di musiche di Schubert e la registrazione del medesimo programma per un CD Eloquentia, Piovano ha avviato una collaborazione stabile alla testa degli Archi di Santa Cecilia. Insieme hanno riscosso entusiastici consensi in diverse sedi italiane e ancora a Roma in Sala S. Cecilia prima con le Serenate di Dvořák e Čaikovskij (pure registrate per Eloquentia), poi con un programma dedicato a Rota, Morricone e Piovani (registrato per un CD Arcana, uscito nel 2017). Di recente la Sony ha pubblicato il quarto CD con gli Archi di S. Cecilia, con musiche di Vivaldi. Fra i suoi impegni più recenti figurano diversi concerti, sul podio di molte orchestre italiane (la Sinfonica Abruzzese, quelle del Teatro Petruzzelli di Bari e del Teatro Bellini di Catania, la Camerata Strumentale Città di Prato, l’Orchestra del Festival di Bergamo e Brescia, l’Orchestra di Padova e del Veneto, la Sinfonica Siciliana, e l’Orchestra da Camera dell’Accademia di S. Cecilia), mentre è all’estero il debutto con la New Japan Philharmonic Orchestra. Luigi Piovano suona un violoncello Giuseppe Guarneri “filius Andreae” (Cremona 1712), gentilmente concesso da Tarisio Fine Instruments and Bows.

Lorenzo Di Bella-147 (2)

LORENZO DI BELLA

Si è aggiudicato nel 2005 il primo premio e medaglia d’oro al concorso pianistico ‘Horowitz’ di Kiev (unico italiano ad aver vinto un concorso pianistico in una nazione dell’ex Unione Sovietica). Per meriti artistici nel 2006 gli è stato consegnato in Quirinale, dall’ex Presidente Ciampi, il ‘Premio Sinopoli’, in memoria del direttore d’orchestra G. Sinopoli, scomparso nel 2001. Nel 1995 si è aggiudicato il ‘Premio Venezia’, il più importante concorso nazionale a seguito del quale ha tenuto recitals per le maggiori società concertistiche italiane. Grande successo hanno riscosso le sue apparizioni al ‘Festival dei Due Mondi’ di Spoleto, su invito personale del M° G. Menotti, al Teatro “La Fenice” di Venezia, al Teatro Olimpico di Vicenza, al Teatro delle Muse di Ancona, alla Sala Michelangeli di Bolzano, alla Maison Symphonique di Montréal, al Festival Liszt di Utrecht, all’ ETH di Zurigo, al Festival Chopin di Marianske Lazne, oltre che a Lugano, Amburgo, Berlino, Praga, Cracovia, Sarajevo, Ottawa, Denver (CIPA), Pechino, Shanghai (Oriental Center), Wuhan, Xi’han, alla Società dei Concerti di Milano e all’Auditorium “Parco della Musica” di Roma con l’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia. Ha eseguito nel 2013 l’integrale delle Études-Tableaux di Rachmaninov in due concerti, a Torino e Milano, all’interno della settima edizione del Festival MiTo – Settembre Musica. La sua attività concertistica lo ha portato ad esibirsi in importanti città italiane ed estere, e a collaborare con orchestre quali: l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orchestra Sinfonica di San Remo, l’Orchestra Nazionale di O’Porto, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, l’Orchestra Sinfonica di Pesaro, l’Orchestra Sinfonica Nazionale dell’Ucraina, l’Or- chestra Sinfonica di Nancy, la Südwestdeutsche Philarmonie, l’Orchestra Sinfonica Villingen-Schwenningen, la New World Philarmonic, la Moravian Philarmonic Orchestra, la West Bohemia Orchestra e la Philarmonisches Kammerorchester Berlin. Ha collaborato con numerosi direttori tra cui J. Conlon, K. Karabits, V. Christopoulos, R. Seehafer, J. Iwer, Z. Müller, V. Sirenko, M. Maciaszczyk, M. Brousseau, D. Crescenzi e F. Lanzillotta. Così si è espresso il pianista Lazar Berman, pochi mesi prima della sua scomparsa: “Lorenzo è un notevole pianista di talento, un brillante vir- tuoso, un emozionante e raffinato musicista. Io sono stato suo insegnante per tre anni e ho sempre ammirato la sua grande abilità tecnica e la sua forte personalità artistica ma soprattutto la sua voglia di parlare al pubbli- co…”. Dal 2016 è docente di pianoforte principale presso il conservatorio ‘G. Braga’ di Teramo e direttore artistico dell’Accademia Pianistica delle Marche di Recanati dove ogni anno organizza masterclasses con pianisti e didatti di fama internazionale. Per la sua attività artistica è stato insignito in Campidoglio del ‘Picus del Ver Sacrum’, insieme all’attore Max Giusti e al soprintendente Pier Luigi Pizzi, quale “Marchigiano dell’anno 2006”, riconoscimento istituito dal Ce.S.MA di Roma. È ideatore e direttore ar- tistico della stagione concertistica Civitanova Classica Piano Festival, del Mugellini Festival di Potenza Picena e del Concorso Pianistico “La Palma d’Oro” di San Benedetto del Tronto.

STEFANO BRACALENTE, storico dell’arte

Dottorato di ricerca presso l’Università degli studi di Pisa con una tesi su Osvaldo Licini e il Futurismo. Ha indagato l’enigma dei numeri nella pittura di Licini per gli Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’U-niversità degli studi di Macerata e per l’Archivio Cattaneo di Cernobbio. Ha studiato i carteggi inediti dell’epistolario liciniano e i documenti d’ar-chivio della biblioteca dell’artista, chiarendo le ragioni della svolta astratta d’inizio anni trenta, scrivendo per atti di convegni, riviste di studi storici e contribuendo al catalogo della mostra internazionale di Lugano “Jean Arp-Osvaldo Licini”.

Civitanova Classica Newsletter

Se vuoi essere informato su tutti gli eventi e i concerti di Civitanova Classica, iscriviti alla nostra newsletter. L'utente dichiara l'espressa autorizzazione al trattamento dei dati personali conferiti ai sensi del DLgs 196/2003.