torna al programma
evento precedente
prossimo evento

CONCERTO DI CHIUSURA

Acquista biglietti online
vivaticket

 

Mercoledì 15 maggio 2019 ore 21.15
Civitanova Alta, Teatro Annibal Caro

CONCERTO DI CHIUSURA

ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA
BARTOSZ ZURAKOWSKY  direttore
MARCO SCHIAVO e SERGIO MARCHEGIANI due pianoforti
ROBERT ANDRES e LORENZO DI BELLA due pianoforti (*)

onlus-01(Parte del ricavato sarà devoluta a sostegno delle attività della Paolo Ricci onlus di Civitanova Marche)

Programma

W. A. MOZART (1756-1791)
Sinfonia n. 31 K 297  “Parigi”:
I. Allegro assai
II. Andante
III. Allegro

(*) Concerto n.7, K 242 “London” (vers. per 2 pianoforti e orchestra)

I. Allegro
II. Adagio
III. Rondo – tempo di Minuetto

INTERVALLO

Camille SAINT-SÄENS (1835 – 1921)
Il carnevale degli animali: (per 2 pianoforti e orchestra)

I. Introduzione e Marcia reale del Leone
II. Polli e Galli
III. Emioni (animali veloci)
IV. Tartarughe
V. L’Elefante
VI. Canguri
VII. Aquario
VIII. Personaggi dalle lunghe orecchie
IX. Il cucù nel fondo del bosco
X. Voliere
XI. Pianisti
XII. Fossili
XIII. Il Cigno
XIV. Finale


Si ringrazia


BARTOSZ Z˙URAKOWSKY

Bartosz Żurakowski - photoConsiderato dalla critica tra i più notevoli direttori della sua generazione, si è esibito in sale prestigiose in tutto il mondo, quali la Carnegie Hall di New York, la Sala Sao Paulo di San Paolo, il Grand Teatro Nationale a Lima, il Palacio de Bellas Artes a Città del Messico, la Royal Concert Hall di Glasgow e la Lviv Opera House. Nel Maggio 2014, è stato invitato dal Coro della Città di Glasgow e dall’Orchestra sinfonica della Scottish Opera per dirigere il Requiem di G. Verdi durante il concerto di giubileo per il 30mo anniversario del Coro cittadino. Nel Maggio 2015 ha nuo-vamente diretto gli stessi artisti nella Missa solemnis di Beethoven. Con particolare interesse, il M° Zurakowsky si dedica anche a pagine di oratorio nonché operistiche, oltre al più classico repertorio sinfonico. Ha lavorato con cantanti tra i più rinomati, quali G. Bradley, R. Afonway-Jones, P. Keohone, A. Hovhanuisyan, K. Kaludov, M. Andreeva, M. Walewska, B. Harasimowicz, I. Hossa, Z. Kilanowicz, W. Ochman, I. Kłosińska, così come A. Dobber, E. Podleś o A. Rehlis. Ha inoltre collaborato anche con grandi solisti di fama internazionale, come K. Danczowska, N. Larrabee, I. Wunder, A. Volodin, E. Mikhailov, E. Indjic, P. Paleczny, S. Trpceski, S. Mintz, J. Findley, M. Sobula, S. Kasprov, P. Pławner, M. Kasik, J. Wawrowski, M. Mercelli e R. Geniet. Bartosz Żurakowski è tra i direttori polacchi di più giovane generazione, si è diplomato alla Fryderyk Chopin Academy of Music, ed alla Grażyna and Kiejstut Bacewicz Academy of Music di Łódź, oltre che alla Università di Varsavia, nella Facoltà di Management. Inoltre, alla Rotterdam School of Management Erasmus University, ha ottenuto nel 2011 un Master in Business of Administration. Il diretto contatto con alcuni tra i più dotati direttori polacchi – come J. Semkow, S. Skrowaczewski o J. Maksymiuk – ha influenzato la sua personalità artistica, come direttore. Ha partecipato a masterclasses di direzione orchestrale (sia nazionali che internazionali) tenuti tra gli altri da M. Tracz e K. Masur. È vincitore del Witold Lutosławski International Conducting Contest, ed è presidente della Fondazione BelleVoci Art, direttore artistico ed esecutivo del BelleVoci International Music Festival, nonché direttore artistico generale del “Musique d’élite”. Dal 2016 è direttore principale alla Sudeten Philharmonic Orchestra di Wałbrzych.

 

MARCO SCHIAVO  e  SERGIO MARCHEGIANI

foto Duo Schiavo-Marchegiani12Il Duo Schiavo-Marchegiani è apprezzato dal pubblico e dalla critica internazionale per lo stile personalissimo, la naturalezza del discorso musicale, la bellezza del suono, l’intensità e la travolgente energia delle loro interpretazioni. Parallelamente all’intensa attività solistica, dal 2006 Sergio Marchegiani e Marco Schiavo formano un duo pianistico tra i più attivi e dinamici sulla scena italiana e internazionale. Hanno tenuto centinaia di concerti in tutto il mondo, suonando nelle sale più presti-giose: Sala Grande della Carnegie Hall a New York, Sala Grande della Philharmonie e del Konzerthaus di Berlino, Sala d’Oro del Musikverein e Sala Grande del Konzerthaus a Vienna, Mozerteum di Salisburgo, Laeiszhalle di Amburgo, Beethoven-Haus a Bonn, Rudolfinum e Smetana Hall a Praga, oltre che a San Pietroburgo, alla Suntory Hall di Tokyo, al Teatro Solis di Montevideo, al Petruzzelli di Bari e inoltre a Roma, Parigi, Zurigo, Sofia, Istanbul, Helsinki, Mosca, Montreal, Washington, Città del Messico, San Paolo del Brasile, Baku, Astana, Hong Kong, Bangkok e Singapore. Si sono esibiti con importanti orchestre come i Berliner Symphoniker, la Budapest Symphony Orchestra, la Prague Radio Symphony Orchestra, la New York Symphonic Orchestra, l’Orchestra Sinfonica dello Stato del Messico, l’Orchestra Sinfonica di Istanbul, le Orchestre da Camera di Città del Messico e Madrid, la Prague Chamber Orchestra, l’Orchestra Filarmonica di Stato dell’Azerbaijan e la Thailand Philharmonic Orchestra. Nel 2013 hanno debuttato al prestigioso Ravello Festival eseguendo il Concerto per due pianoforti e orchestra K. 365 di Mozart e nel 2017 hanno suonato nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano, durante la stagione della Società dei Concerti. Nell’autunno 2018 hanno tenuto una tournée nell’Europa dell’est che ha toccato, tra l’altro, Praga (Palazzo del Senato), Cracovia (Museo Nazionale), San Pietroburgo (Teatro dell’Hermitage) e Sofia (Bulgaria Hall con la Sofia Philharmonic Orchestra). Hanno registrato per emittenti radio-televisive nazionali in Italia (“Il concerto del mattino” su RAI Radio3), Repubblica Ceca (in diretta nazionale sul terzo canale radio dalla Dvořák Hall), Germania, Bulgaria, Russia, Messico e Hong Kong. Il duo debutta sul mercato discografico nel 2014 con un CD Decca interamente dedicato alla musica di Franz Schubert che ha ottenuto ottime recensioni dalla critica specializzata e 5 stelle sulla rivista Amadeus. Hanno studiato con grandi didatti quali I. Deckers Küszler, A. Lonquich, B. Canino, F. Scala, A. Ciccolini e S. Dorenski. Insegnano nei Conservatori di Alessandria e Potenza. Sono spesso invitati a far parte di giurie in concorsi internazionali e tengono masterclass in tutto il mondo (Spagna, Serbia, Turchia, Stati Uniti, Messico, Kazakhstan, Giappone, Australia e Brasile).

ROBERT ANDRES

R.AndresSi è diplomato all’Accademia di Musica di Zagabria e in seguito ha ricevuto una borsa di studio del Governo sovietico per studiare al Conservatorio di San Pietroburgo con D. A. Svetozarov, allievo del grande V. Sofronitskij. Si è perfezionato a Vienna e negli Stati Uniti, dove, quale assegnatario di una borsa di studio Fulbright, ha studiato con il famoso pianista porto-ghese-americano S. Costa presso l’Università del Kansas, conseguendo la laurea di Dottore in Arti Musicali per il pianoforte ed il titolo di Maestro in musicologia. Ha ricevuto anche preziosi consigli da parte di rinomati pianisti, come P. Sancan, R. Kehrer, C. Frank, L. Brumberg e P. Katin. Si è esibito in concerti solistici, con orchestra ed in musica da camera in vari paesi europei, quali Austria, Italia, Spagna, Francia, Belgio, Irlanda, Portogallo, Russia, Ucraina, Croazia, Slovenia, Slovacca, Polonia, ed anche in Venezuela e negli Stati Uniti. Ha collaborato con artisti del calibro di A. Pizarro, Z. Bron e G. Zhislin. Il duo pianistico con la moglie Honor O’Hea è attivo dal 1995. Con lei ha tenuto concerti sia a quattro mani che a due pianoforti, sempre accolti con consensi entusiastici da parte della critica e del pubblico. Dopo essere stato docente al Kalamazoo College nel Michigan, a partire dal 1993 insegna al Conservatorio di Madeira – Scuola Professionale di belle Arti, dove attualmente è profes-sore di ruolo di pianoforte e direttore del dipartimento degli strumenti a tastiera. È spesso invitato a tenere masterclass. Nel 1998 è stato l’artista ospite principale dell’Amadeus Piano Festival di Tulsa, in Oklahoma, USA, dove ha tenuto una masterclass e si è prodotto in concerti solistici, cameristici ed in conferenze, e vi è ritornato nel 2004 e 2014. Ha fatto parte della giuria di vari concorsi nazionali ed internazionali, dal Ettore Pozzoli (Seregno), Cantù, Sumy (Ucraina), Leganés (Madrid), Jean Francaix (Parigi), Luciano Gante (Pordenone), AMA Calabria, Scriabin (Grosseto), Città di Barletta, Evangelia Tjiarri (Cipro), Louisiana (Stati Uniti) fino al Vianna da Motta (Lisbona). Dal 1997 è direttore artistico ed amministrativo dell’Associazione degli Amici del Conservatorio, un’organizzazione benefica di concerti che aiuta i giovani musicisti di talento della Regione e che nelle sue stagioni concertistiche conti-nua a presentare al pubblico di Madeira musicisti apprezzati a livello internazionale. È Direttore artistico del festival Madeira PianoFest, ed è stato co-organizzatore della 28ma conferenza annuale europea dell’EP-TA, svoltasi a Madeira nel Luglio 2006. Avendo sviluppato un’intensa attività come scrittore e conferenziere di argomenti musicali, Robert Andres ha collaborato con prestigiosi giornali musicali, enciclopedie e riviste di vari Paesi e, dal 1995 al 2002, è stato critico musicale e autore della pagina settimanale di musica del Jornal da Madeira. Nel 2001 la Scarecrow Press (USA) ha pubblicato il suo libro sui principî dell’approccio scientifico alla tecnica pianistica. Nel 2008 ha inciso un CD con opere per pianoforte del compositore di Madeira V. Costa.

Civitanova Classica Newsletter

Se vuoi essere informato su tutti gli eventi e i concerti di Civitanova Classica, iscriviti alla nostra newsletter. L'utente dichiara l'espressa autorizzazione al trattamento dei dati personali conferiti ai sensi del DLgs 196/2003.